Sei qui: Home Page/Associazione dormitorio

Associazione dormitorio

La sede di Brescia dell'Associazione Domitorio

L’Associazione Dormitorio San Vincenzo di Brescia è stata costituita nel 1994 quale emanazione della Società di San Vincenzo De Paoli per la gestione delle iniziative di accoglienza operative rivolte alle persone senza fissa dimora ed emarginate.

L’Associazione gestisce il Dormitorio maschile San Vincenzo (contrada Sant’Urbano, 10), la Casa di accoglienza femminile “Federico Ozanam” (via Gabriele Rosa, 1) e 3 appartamenti dati in uso a persone e famiglie non in grado di acquisire un’abitazione a prezzi di mercato. Gestisce, inoltre, un appartamento per familiari di persone ricoverate presso l’Ospedale Civile.

Nelle case vengono accolti uomini e donne che vivono situazioni di emarginazione e persone senza fissa dimora che hanno alle spalle situazioni difficili e storie complesse, connotate dall'abbandono, dalla dipendenza, dalla disgregazione dei legami familiari. Queste abitazioni rappresentano uno spazio sicuro, un luogo affettivamente caldo dove le persone si sentono accolte e rispettate, dove possono riflettere, insieme agli operatori e ai volontari, su alcune esperienze del proprio percorso di vita.

Alcuni ospiti vengono accolti in convenzione con gli enti pubblici e i loro progetti educativi individuali sono definiti insieme ai servizi invianti. Con questi progetti personali cerchiamo di aiutare gli ospiti ad individuare e valorizzare le proprie capacità residue, utilizzandole come primo passo verso l’autonomia e il reinserimento sociale. I tempi e le modalità variano, quindi, a seconda della problematica di ogni singola persona. Seguendo i principi di carità ed accoglienza di San Vincenzo de Paoli e del beato Federico Ozanam, i vincenziani operano a favore di bisognosi, poveri, disagiati, emarginati o, comunque, di persone e famiglie in difficoltà, fornendo supporto economico-materiale e sostegno morale.

RESOCONTO ATTIVITÀ

Nel 2013:

  • sono stati 347 gli uomini ospitati al Dormitorio, 2/3 dei quali immigrati, per un totale di 15.785 giorni di presenza.
  • nella Casa di accoglienza femminile, invece, sono state 78 le donne accolte (sia  sole sia con figli minorenni) per un totale di 5.941 giorni di presenza. Il 70% delle ospiti e dei bambini sono immigrate con regolare permesso di soggiorno.
  • Una volontaria segue la gestione dell' appartamento in via Crocifissa di Rosa destinato ai parenti dei malati ricoverati all'Ospedale Civile. La quasi totalità dei soggetti ospitati  è italiana e si tratta di persone provenienti da tutte le regioni, dal Trentino alla Sicilia.
  • Due appartamenti sono stati assegnati in locazione dall'ALER a Sanpolino e attualmente accolgono una ex ospite prima domiciliata alla torre Tintoretto e un operatore dell'Associazione dormitorio.
  • Nell'appartamento di proprietà di via Corsica risiede tuttora una famiglia con quattro figli.

È di 441.000 Euro il preventivo di spesa relativo all'anno 2014 per la gestione delle nostre Case di accoglienza: il Dormitorio maschile, la Casa di accoglienza “Federico Ozanam” femminile; per i quattro appartamenti sul territorio; per i costi del personale.